Programma

 

 

PROGRAMMA 2020

 

mascotte 

 

 

 

 

November Porc... speriamo ci sia la nebbia! 2020

 

Popolo di NOVEMBER PORC, alla BIT (Borsa Internazionale del Turismo) di Milano, abbiamo "lanciato" l'edizione venti-venti e adesso la ... rilanciamo dalla fan page. SEGNATEVELO: NOVEMBER PORC .... speriamo ci sia la nebbia!, "parte" da Sissa (5-8 novembre), poi si "trasferisce" a Polesine Parmense (13-15 novembre), a Zibello (20-22) e si conclude a Roccabianca (27-29 novembre).
SAPPIATEVELO: i grandi mercati dei sapori si tengono SOLO ogni sabato e domenica.
Nelle domeniche (ore 15:30) si degusterà gratuitamente un maxisalume: Mariolone a Sissa, Pretone a Polesine, Strolghino a Zibello, Cicciolata a Roccabianca.

 


NOVEMBER PORC è organizzato dalla Strada del Culatello, con il sostegno dei Comuni interessati, Provincia di Parma, APT Servizi e Regione Emilia Romagna.

 

STRADA DEL CULATELLO

Piazza Garibaldi, 34 - 43016 Polesine-Zibello (PR) –

Tel. 0524 939081

mail: info@stradadelculatello.it – stradadelculatello@alice.it

 

www.novemberporc.com   #novemberporc   @NovemberPorcFansPage

 

 

Glossario

  • Strolghino

    É un piccolo salame tipico della Bassa Parmense, è prodotto con la carne ottenuta dalla lavorazione del Culatello. La scelta accurata delle carni e degli ingredienti è una fase essenziale per la buona riuscita del salame. E dopo la macinatura, l’impasto viene insaccato in un budello estremamente sottile che ne accelera l’asciugatura e lo porta a maturazione in poco tempo.Delicato e leggero nel gusto, va mangiato ancora morbido.

  • Culatello

    Il culatello viene comunemente identificato come un salume insaccato in un involucro naturale, che solitamente è la vescica del maiale. Grazie anche al prestigioso riconoscimento Europeo di Denominazione d’Origine Protetta – DOP (ottenuto con regolamento CE n°1263/96). Un prodotto di salumeria costituito dalla parte anatomica del fascio di muscoli crurali posteriori ed interni della coscia del suino, opportunamente mondati in superficie e rifilati fino ad ottenere la classica forma a “pera”.

Documentazione correlata